Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Cronaca

IL NUOVO 730 DI RENZI: Truffa chiamata semplificazione

IL NUOVO 730 DI RENZI: Truffa chiamata semplificazione
novembre 03
16:07 2014

Renzi la chiama semplificazione fiscale ma per ora é poco più che una boutade.

Se ci fosse davvero un briciolo di semplificazione ben venga. Ma il problema é che quel poco, arriverá, se arriverá, tra due anni buoni.

Il cosidetto 730 precompilato dovrebbe entrare in vigore l’anno prossimo per i redditi del 2014.

Ma é una clamorosa balla. Infatti nelle precompilazioni non ci saranno i dati sanitari.

In pratica l’innovazione della dichiarazione precompilata, fortemente voluta dal governo, quest’anno non prevederà tutta una serie di detrazioni e deduzioni che contribuiscono (al 19% delle spese sostenute), ad alleggerire il carico fiscale.

Come sapete dip e pensionati possono detrarsi il 19 per cento dei farmaci comprati e delle spece sanitarie. 190 euretti risaprmiati ogni mille spesi. Mica male.

Ebbene nei 730 precompilati dell’anno prossimo queste spese non saranno calcolate dal fisco ai fini di conteggiare l’eventuale detrazione che spetta ad ognuno di noi.Duqnue saranno tutti da rettificare.

C’é un altro aspetto che ha poco a che vedere con la semplificazione e molto con i comportamenti del fisco.

Chi accettasse il modulo precompilato non é piú soggetto a controlli, per cui se si accetta per buono la dichiarazione delle Entrate, si ha “l’immunità fiscale”.

Se invece si integra, magari chiedendo la dovute detrazione del 19% delle spese mediche sostenute, il fisco continuerà a controllare ma in piu, cosa gravissima, non si vedrebbero più compensati gli eventuali crediti fiscali nella busta paga a luglio o nel cedolino della pensione ad agosto, se non dietro richiesta da fare all’agenzia delle entrate.

Milioni di contribuenti che non reclamano rimborsi, si traducono in miliardi di maggiore disponibilità per lo Stato.E la chiamano semplificazione anzicchè truffa seppur legalizzata.