Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Mondo

L’ISLANDA RISORGE DALLA CRISI PUNENDO I BANCHIERI

L’ISLANDA RISORGE DALLA CRISI PUNENDO I BANCHIERI
novembre 09
18:32 2014

Da tre anni, c’è un nuovo sceriffo in città. Non ha lo Stetson in testa, nè stivali con speroni. E nemmeno il cinturone con la Colt regolamentare.

Olafur Hauksson dà la caccia a una tipologia peculiare di banditi: i banchieri.

Lo fa in quel di Reykjavik, capitale di quell’Islanda fino al 2008 nota soltanto per i geyser e per l’estate più breve di uno starnuto.

Poi, d’improvviso, il virus dei mutui subprime e il crollo di Lehman Brothers arrivarono anche tra i ghiacci. E un Paese con 325mila abitanti, poco più del quartiere milanese di Quarto Oggiaro, scoprì di dover fare i conti col fallimento di tre banche il cui valore equivaleva – fino al crac – a quasi il 1.000% del Pil.

Un disastro nazionale, servito in diretta tv dal primo ministro dell’epoca, Geir Haarde, con un «Dio salvi l’Islanda».

In effetti, a oltre quattro anni da quello che sembrava un crac ineluttabile, l’isola a metà strada tra Groenlandia e Gran Bretagna è quasi salva. Quasi, perchè la crisi non è ancora al capolinea.

Se i due miliardi di dollari messi a disposizione nel novembre del 2008 dal Fmi avevano garantito l’immediata sopravvivenza, per risalire la china gli islandesi hanno adottato una ricetta autoctona priva di quegli ingredienti tossici somministrati a più riprese alla Grecia, ma anche a Italia, Spagna e Portogallo, dai cuochi dell’austerity.

Loro, invece, hanno subito nazionalizzato i tre maggiori istituti di credito, Kaupthing, Glitnir e Landsbanki, mettendo alla porta i top manager con bonus incorporato; poi, la cosiddetta «rivoluzione delle pentole» ha mandato a casa il governo e l’intero Parlamento. Ottenendo un altro, invidiabile, risultato: oggi l’Islanda è guidata da sole donne. Quote rosa al cubo.

Sul Paese, tuttavia, pesa da qualche anno la peggiore delle accuse: quella di «non aver onorato i debiti».

Di aver cioè fatto default senza pagarne dazio. In effetti, i creditori esteri delle banche finite sotto l’ala statale non hanno ancora rivisto un centesimo.«In futuro risarciremo tutto», ha garantito il ministro Steingrímur Sigfússon che, qualche giorno fa, ha però incassato dalla corte dell’Efta (European free trade agreement) la decisione benevola secondo cui l’isola non deve risarcire i risparmiatori britannici e olandesi che avevano investito nei conti Icesave, una controllata di Landsbanki.

È una sentenza che vale, per le casse islandesi, 2,6 miliardi. Ossigeno puro.

Non tutto è però stato risolto. Al Paese servono ancora misure di stimolo economico. E poi c’è una popolazione irritata per gli scarsi successi ottenuti nella caccia ai colpevoli del disastro finanziario.

Per ora, poche le condanne inflitte: quattro anni e mezzo a due ex dirigenti della banca Byr; due anni all’allora direttore del ministero delle Finanze; un risarcimento di 3,2 milioni di euro pagato dall’ex presidente di Kaupthing.

L’ex premier Geir Haarde se l’è cavata: niente carcere nè sanzioni pecuniarie pur essendo stato ritenuto colpevole di non aver informato i ministri sulle difficoltà finanziarie.

Catapultato da un paesino di pescatori alla capitale, dove guida un team con più di 100 collaboratori, il Marshall in salsa islandese Olafur Hauksson ammette di essere frustrato per i risultati raggiunti. Ma il problema, aggiunge, è che «perseguire i banchieri non è facile perchè spesso la legge non è chiara su ciò che è reato nell’alta finanza. E trovare le prove di una frode non è facile».

Ma Olafur deve guardarsi anche le spalle: due suoi ex collaboratori sono indagati per aver intascato circa 200mila euro in cambio di informazioni riservate offerte all’amministratore di una società in bancarotta.

È proprio vero: il denaro non dorme mai.

 

FONTE: ilgiornale