Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Cronaca

MAXITRUFFA DA 15 MILIONI, INDAGATO MASTRAPASQUA

MAXITRUFFA DA 15 MILIONI, INDAGATO MASTRAPASQUA
settembre 29
19:10 2014

Al centro dell’inchiesta depistaggi, cartelle cliniche falsificate e fatture gonfiate.

Una visita da 250 euro spacciata per un intervento da duemila. Perquisiti l’ospedale, la Regione e due Asl.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Francesco Caporale e affidate ai pm Corrado Fasanelli e Maria Cristina Palaia, si riferiscono agli anni 2012-2014 e sono cominciate all’inizio di quest’anno.

All’origine degli accertamenti, un’ispezione della Regione che ha riscontrato una serie di anomalie tra i rimborsi versati e le prestazioni erogate.

Centinaia le cartelle cliniche taroccate, come era già emerso nella prima inchiesta sull’ospedale diretto da Antonio Mastrapasqua, in cui si è ipotizzata una truffa da 15 milioni.

Anche allora, l’ex presidente dell’Inps Mastrapasqua è finito sul registro degli indagati e con lui Spinelli e il funzionario della Regione Ferdinando Romano. Ma in questo caso ci sarebbe, in più, l’ombra di «depistaggi» nei confronti di ispettori della Asl e della Regione.

La Corte dei Conti

A causa della prima inchiesta sull’ospedale Israelitico, Mastrapasqua ha lasciato l’Inps  ma non l’ospedale che dirige dal 2001.

Eppure le indagini hanno rivelato che la truffa era tutt’altro che saltuaria, tant’è che la Regione ha sospeso il pagamento di 15,5 milioni di euro di fatture e ha congelato due protocolli d’intesa siglati ai tempi della giunta di Renata Polverini.

Anche la Corte dei Conti ha disposto accertamenti paralleli a quelli degli inquirenti – per l’eventuale danno erariale – mentre il gip ha respinto la richiesta della procura di archiviare una terza inchiesta in cui è rimasto impigliato Mastrapasqua, sulla gestione degli immobili dell’Inps.

 

FONTE: www.roma.corriere.it