Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Cronaca

 Ultime Notizie

“Prestito d’onore”: stranieri in fuga con in tasca i (NOSTRI) soldi dell’Inps

“Prestito d’onore”: stranieri in fuga con in tasca i (NOSTRI) soldi dell’Inps
settembre 03
19:45 2014

Hanno approfittato della crisi per riempirsi le tasche di soldi pubblici e rientrare tranquillamente in patria. Sono extracomunitari che utilizzando la legge che istituisce il cosiddetto “prestito d’onore” per aprire partita Iva e iniziare un’attività imprenditoriale hanno incassato denaro anticipato dall’Inps per poi sparire.

Le Fiamme gialle infatti hanno intensificato i controlli e verifiche fiscali, in particolare nell’Alta padovana, dove si concentrerebbe la grande maggioranza di questi casi. Si tratta di una indagine particolarmente complessa che la Guardia di Finanza vorrebbe trasformare in un progetto pilota da estendere all’intero territorio nazionale.

La truffa e’ molto semplice. Grazie alla legge 223 del 1991 offre ,infatti, la ghiotta ovvero l’opportunità di avviare un’attività autonoma a chi rimane senza impiego a causa della crisi e vuole mettersi in proprio. In pratica il lavoratore rimasto disoccupato può ottenere, l’anticipazione dell’indennità di mobilità, per l’avvio e l’apertura della partita Iva,in genere una somma di quasi ventimila euro, con l’impegno di svolgere l’attività in Italia, per almeno 5 anni ,nei settori della produzione di beni, fornitura di servizi, commercio.

Ma in molti casi i lavoratori ,sarebbero fuggiti con “l’incasso” e con essi anche la possibilità di recuperare il denaro erogato nonostante i decreti di sequestro preventivo firmati dalla Procura poichè, sui conti correnti delle società indagate, non c’è, infatti, quasi mai un soldo.