Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Cronaca

PROTESTA CONTRO EQUITALIA CON TRATTORE E ZAPPE

PROTESTA CONTRO EQUITALIA CON TRATTORE E ZAPPE
dicembre 04
22:18 2014

3 dicembre 2014 L’Aquila – Cappello natalizio in testa, centinaia di piccole zappe sul trattore e una più grande, nuova e infiocchettata, da regalare al direttore della sede aquilana di Equitalia, l’agenzia che si occupa di riscuotere i debiti di imprese e privati per conto dell’Agenzia delle entrate.

E’ la nuova protesta messa da Dino Rossi, rappresentante del Cospa Abruzzo, davanti agli uffici di Equitalia in via Strinella, a bordo del suo trattore, per manifestare , da solo, fuori la sede aquilana.

Proteste clamorose: in questi mesi ha minacciato (senza farlo)  il suicidio, l’estate scorsa si era presentato con un trattore carico di rotoballe e campanacci.

Prima ancora era partito dal suo paese, Ofena, con un carico di letame, per denunciare le condizioni di difficoltà in cui si trovano tutte le piccole imprese agricole che, a partire dalla sua, fanno i conti con la crisi economica, il fisco insostenibile, il mercato bloccato a causa del terremoto nell’intero cratere sismico, l’impossibilità di accedere al credito.

Lo scorso novenbre, invece, si era presentato in via Strinella con un pallottoliere.

Rossi, che produce latticini a Ofena, ha anche lui un debito consistente da pagare a Equitalia: una somma che, tra debito reale e interessi, arriva a superare i 95mila euro, provenienti da Irap, Iva e anche multe dei vigili urbani non pagate. “Perché – denuncia Rossi – non ce la faccio”.

Ci dicono che dobbiamo pagare – ammonisce Rossi – ma io posso portare zappe, vitelli e fieno a Equitalia. Altro non ho

Il piccolo produttore agricolo aspetta da mesi di sapere a quanto ammontano le sue obbligazioni. E intanto Equitalia gli notificato due pignoramenti di 46mila euro ciascuno, bloccandogli pure un conto corrente.

 

FONTE: ilcentro.gelocal.it