Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Salute e Benessere

RISCHIO CANCRO CON MUSCORIL E ALTRI 7 MEDICINALI

RISCHIO CANCRO CON MUSCORIL E ALTRI 7 MEDICINALI
ottobre 11
13:22 2014

L’ Aifa, l’ agenzia italiana del farmaco, in una nota informativa precisa i potenziali rischi prodotti dal principio attivo contenuto nel farmaco Muscoril che “se assunto costantemente, provoca un rischio di teratogenicità, embriofetotossicità/aborto spontaneo, compromissione della fertilità maschile e come potenziale fattore di rischio di cancro”.

La stessa agenzia, infatti, consiglia un dosaggio limitato. Il medicinale non deve, quindi, essere usato per il trattamento a lungo termine di condizioni croniche ma deve essere limitato a 7 giorni per le formulazioni orali, e a 5 giorni, per quelle iniettabili.

Inoltre la posologia non deve superare la dose di 8 mg ogni 12 ore, per le formulazioni orali, e di 4 mg ogni 12 ore per quelle iniettabili.

Il Muscoril, come gli altri medicinali prodotti ad hoc,  è solitamente prescritto per alleviare dolori muscolari, dolorose contratture, associate a patologie acute della colonna, negli adulti e negli adolescenti di età superiore a 16 anni.

In pratica, quello che succede nell’organismo è che il tiocolchicoside si trasforma in una sostanza che può causare danni alle cellule: tecnicamente si tratta dell’aneuploidia, cioè un’anormalità cromosomica che a sua volta può determinare i rischi di cui abbiamo scritto.

Ecco quali sono i farmaci che contengono questo principio attivo e che sono in vendita in Italia.

Decontril

Miorexil

Miotens

Moveril

Muscoflex

Muscoril

Relmus

Sciomir

Strialisin

Teraside

Tioside

Tiocolchicoside generici-equivalenti di varie marche

 

FONTE: www.retenews24.it