Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Mondo

Sconvolgente racconto di una schiava dei Jihadisti sulle “stanze degli orrori”

Sconvolgente racconto di una schiava dei Jihadisti sulle “stanze degli orrori”
settembre 09
09:11 2014

Un racconto sconcertante quello di una ragazza “schiava” dei jihadisti,all’inviato della Repubblica  Pietro Del Re.

“Che cosa mi fanno? Ho troppa vergogna per raccontarlo, e non conosco neanche le parole per descrivere il mio martirio. Ma, la prego, mi aiuti a dire le pene che le mie amiche ed io stiamo soffrendo”

Al telefono con l’inviato, è una donna che lui chiama Mayat, 17 anni che il 3 agosto scorso, durante l’offensiva jihadista contro Sinjar, è stata rapita dai soldati dell’Is.

Da quel giorrno, con altre donne della minoranza yazida, è tenuta prigioniera in un villaggio nella piana di Ninive, a Sud di Mosul.

Lei parla in inglese e dice:

“La prego non scriva il mio nome, perché sono così imbarazzata per ciò che mi infliggono. C’è una parte di me che vorrebbe morire all’istante, sprofondare sottoterra e restarci per sempre. Ma c’è un’altra parte che ancora spera di salvarsi e di poter riabbracciare i genitori. È questa la parte che mi dà la forza di parlare con lei. Non so come si chiama la cittadina dove ci hanno portate, perché siamo arrivate di notte e perché da allora siamo rinchiuse in una grande casa, con le finestre sempre sbarrate, da dove non possiamo uscire perché sorvegliate a vista da uomini armati”.

Il giornalista le chiede come mai la lasciano parlare al cellulare e lei risponde che inizialmente i carcerieri glieli sequestravano , poi hanno cambiato strategia:

“E per ferirci ulteriormente ci dicono di raccontare nei dettagli, ai nostri genitori, quello che ci fanno. Ridono di noi perché si credono invincibili. perché si sentono dei superuomini.. Ma sono soltanto persone senza cuore”

Il racconto diventa sempre piu’ raggelante quando l’inviato le chiede cosa fanno di loro e lei con una risposta secca: “Abusano di noi!

Nella grande casa saremo una quarantina e siamo tutte vittime, non risparmiano neanche quelle che hanno un figlio piccolo con loro. Né salvano le bambine: alcune di noi non hanno ancora compiuto 13 anni. Sono quelle che reagiscono peggio a questo schifo. Ce ne sono alcune che hanno smesso di parlare. Una si è strappata i capelli e l’hanno portata via. Ci sono tre stanze per le violenze, le stanze degli orrori“.

Il racconto continua con dettagli davvero raccapriccianti:

“Le violenze avvengono anche tre volte al giorno. Ci trattano come se fossimo le loro schiave. Veniamo date in pasto a uomini sempre diversi. Ci minacciano e ci picchiano quando tentiamo di resistere.  Spesso vorrei che mi picchiassero abbastanza forte da uccidermi. ;a sono dei vigliacchi anche in questo: nessuno ha il coraggio di mettere fino ai nostri stupratori”.

Una storia comune, purtroppo, a tante, troppe, donne vittime di questi jihadisti senza scrupoli, affamati di sangue e vendetta, che usano la donna come merce di scambio, quando non le uccidono, davanti agli occhi dei loro figli.