Notizialibera.it il primo blog di informazione libera sul web

Cronaca

SENZA STIPENDIO, TENTA IL SUICIDIO: SALVATO DAI CARABINIERI

SENZA STIPENDIO, TENTA IL SUICIDIO: SALVATO DAI CARABINIERI
ottobre 10
22:15 2014

Il 7 ottobre, Salvatore S., un dipendente del consorzio di rifiuti (CUB) di 40 anni ha tentato di suicidarsi lanciandosi dal secondo piano dell’ex casa comunale di Teverola situata a Via Roma.

I carabinieri che si trovavano già sul posto per la protesta dei dipendenti che da oltre un anno non percepiscono lo stipendio, sono intervenuti tempestivamente, salvandolo e portato subito via.

Il motivo della protesta era il mancato pagamento degli stipendi arretrati dal Consorzio di rifiuti, in liquidazione dopo essere saltato  l’incontro tra liquidatore, i rappresentati sindacali e il magistrato in tribunale facendo, così, precipitare la situazione.

La somma bloccata tra le mani del liquidatore consortile è di 118 milioni di euro, oggetto di pignoramento mentre sono oltre 100 milioni  i crediti vantati nei confronti dei comuni morosi.